2015

Il importe de ne pas oublier que Lyotard écrit Le postmoderne expliqué aux enfants en 1982. C'est avant la chute du Mur de Berlin certes, avant donc la domination sans partages d'une "vision du monde" métaphorisée par la société -planétaire- du spectacle mais là n'est pas le plus important. Sa réflexion se centre rapidement sur le postmodernisme comme projet esthétique.

Je voudrais te communiquer quelques observations destines seulement à relever certains problèrnes touchant au terme « postmoderne sans chercher à les résoudre Il ne s'agit pas, ce faisant, de clore le débat, mais plutôt, en l'orientant, d'éviter des confusions ou des ambiguités. Je me contenterai de noter trois points :
I. Dabord l'opposition du postmodernisme avec le modernisme ou le Mouvement moderne ( 1910-1945) en architecture. Selon Portoghesi, la rupture postmodeme consiste dans l'abrogacion de l'hégémonie accordée la géomètrie euclidéenne [..]

avant toute pensée particulière, on est obligé de supposer une pensée constante, sans commencement ni fin, qui est comme une chaîne sur laquelle se déploie la trame des pensées accedentelles


Dans la Réjlexion 5037, Kant parlera de la «grande lumière» de l'année 69. En quoi consiste-t-elle? Les avis ne sont pas unanimes. On pense généralement que c'est la découverte de la subjectivité de la sensibilité et du caractère a priori des formes de l'espace et du temps. G. Tonelli soutient une thèse différente, à savoir qu'il s'agit de la découverte de la distinction entre sensibilité et entendement dont l'affirmation du caractère a priori de l'espace et du temps ne serait qu'une conséquence 3. Que l'on retienne l'une ou l'autre interprétation, il ne fait pas de doute que Kant a abandonné, au cours de la seconde moitié des années 60, la thèse réductionniste des rêves en ce qui concerne la possibilité d'une connaissance métaphysique. Les Réflexions dont on peut dire avec quelque certitude qu'elles sont anténeures à 1770 qui justifient cette hypothèse sont cependant peu nombreuses. La Réflexion 3850 parle clairement de la connaissance de l'essence d'une chose qui n'est accessible qu'à la raison 4 la matière de la connaissance est donnée par les sens; l'essence des choses qui est connue par la raison en constitue la forme 5. Cette idée va se retrouver dans la Réflexion 3957 (XI) qui pourrait être antérieure à 1770: les connaissances humaines se laissent diviser en deux grands genres: celles qui proviennent des sens et celles qui ont leur fondement dans la nature de notre pensée. Tous les matériaux de la pensée proviennent nécessairement des sens, donc la matière de la connaissance est nécessairement empirique. Pour cette raison, les concepts purs ne concernent que la forme qui, elle, est double: intuitive (spatio-temporelle) et rationnelle, celle-ci correspondant aux concepts basiques de l' ancienne ontologie. Kant appelle ces derniers concepts aussi des « concepts réfléchissants » 6.


Moins de quinze jours après la soutenance de la Dissertation, Kant écrit à Lambert, le 2 septembre 1770, qu'il a ecouvert une science des critères de la connaissance. Le catarticon de 1770 en est la première application, assez malheureuse, puisqu'elle entreprend de défendre simplement la pureté de l'intelligible: «Depuis près d'un an, je suis parvenu, comme je m'en flatte, à ce concept par lequel on peut examiner toutes sortes de questions métaphysiques d'après des critères tout à fait sûrs et faciles, et décider avec certitude quel point elles peuvent être résolues ou non» (Ak lO:97). Supprimons l'usage de l'intellect, que reste-t-il? L'idée d'une critique qui rappelle à toute la connaisance les conditions de l'intuiüon sensible, et donc dépasse les deux positions rivales, dans les antinomies entre l'univers de la physique et celui de la métaphysique. Hors la possibilité d'un être-donné intelligible, les idées kantiennes autour de 1770 apportent effectivement une grande lumière. Cette question des antinomies, des raisonnements contradictoires dont on ne peut décider lequel est vrai, représente pour Kant un objet de réflexion central pendant ces années.

Sur ce point, la fonction des antinomies dans l'histoire de la kantienne peut être rapportée à une influencc directe de Hume. En rapprochant la lettrc à Garve où Kant met l'acccnt sur le rôle décisif des antinomies [1], la Reflexion 5037 (Ak18:69) et une page de la Logik Blomberg (Ak24:217), on peut se convaincre que Kant a découvert dans les Enquiries de Hume, autour de 1770, une méthode sceptique qui leur est propre, et qui consiste à démontrer une thèse, puis son antithèse, pour conclure à l'incertitude des connaissanccs rationnelles. C'est ainsi que procède Kant, selon la Reflexion 5037, pour rechercher l'illusion qui trompe l'entendement, et c'est ainsi qu'il est parvenu à la grande lumière.


Nina Tauton, Patterns of Sadomasochism and Fashion-fetishism in The Taming of the Shrew, Erfurt Electronic Studies in English, consultato, mercoledì 17 giugno 2015


Grosso modo possiamo identificare quattro principali famiglie di concezioni intorno alla giustizia distributiva nella nostra società.

  • un atomismo "lockiano" che mette al centro il diritto inalienabile alla proprietà (intesa prima di tutto come proprietà di sé e non come diritto sulle cose)
  • il principio contributivo (la giustizia distributiva si ha in funzione del contributo che ciascuno da alla società)(difficile quantificare!)
  • le concezioni egualitarie liberali e socialdemocratiche
  • le concezioni marxiste per le quali il problema posto dalla giustizia distributiva è insolubile e viene dichiarato inesistente

La concezione di Rawls ricade in qualche modo in 3


Nel quartiere li conoscevano solo di vista. Stefano ed Emanuela abitavano in via Cavour a Nuvolento solo da un paio d’anni. Si erano trasferiti lì, a casa della mamma di lui, dopo che Stefano aveva perso il lavoro e non erano più in grado di pagare l’affitto. I vicini li ricordano come una coppia molto unita. «Li vedevo tutte le sere a passeggio insieme, sempre mano nella mano», ricorda una vicina. «Non si sapeva molto di loro. Erano riservati». Vita molto discreta la loro, fino a giovedì sera, quando, preda della disperazione hanno deciso di premere insieme i grilletti delle loro pistole per farla finita, tenendosi per mano, come facevano sempre. Stefano è morto subito. Emanuela è ricoverata in condizioni gravissime all’Ospedale Civile. Sul tavolo la comunicazione dello sfratto imminente che ha complicato ancora di più la loro esistenza

Il pensiero totalitario?

[nelle Leggi] Platone elabora freddamente e accuratamente la teoria dell'inquisizione. Il libero pensiero, la critica delle istituzioni politiche, l'insegnamento di nuove idee ai giovani, i tentativi di introdurre nuove pratiche religiose o anche nuove opinioni, sono tutti reati considerati degni della pena capitale.

Platone era tormentato da un vivissimo timore che si abusasse del potere politico. Questa fu senza dubbio la sua principale preoccupazione, come mostra il frequente ricorso all'argomento secondo cui il più grande di tutti i mali è commettere ingiustizie: una posizione per colui che viene considerato un pensatore toralitario. *

il quadro esegetico intorno all’interpretazione “politica” della Repubblica si colloc[a] al di fuori della gabbia polemica costruita da Popper, ma accettata di fatto anche dai suoi critici, che intendeva imbrigliare la riflessione politica di Platone all’interno del confronto esclusivo con il pensiero liberale e democratico moderno e della sua contrapposizione, tutta novecentesca, alle contemporanee dottrine totalitarie; [..] gli sviluppi più recenti [..] con le relative acquisizioni esegetiche [..] ci restituiscono un Platone estraneo, perché non assimilabile neanche in linea di principio, tanto al liberalismo quanto al totalitarismo,

La conoscenza come concetto etico

Se un uomo crede che una proposizione sia vera si ritiene in dovere di accettare quella proposizione e di comportarsi di conseguenza.

Sebbene Chisholm escluda, almeno per il presente, la possibilità di definire la conoscenza in termini etici

Al momento presente non siamo in possesso di alcuna definizione etica che costituisca una soluzione al problema del Teeteto.

l'argomento si presta ad alcune considerazioni non prive di interesse [..] la trattazione che egli ne dà è stimolante

Quale diritto o dovere ha colui che conosce nei confronti di ciò che egli conosce? Una semplice risposta sarebbe: Se un uomo sa che una certa proposizione è vera, allora ha il dovere di accettare o credere a questa proposizione.

Esiste, quindi, un dovere nei confronti della conoscenza vera, o, se si vuole, della verità? E, in caso affermativo, si tratta di un dovere che riguarda solo chi conosce o si tratta, piu in generale, di un dovere che riguarda tutti gli uomini dotati di intelletto?

La complessità è inevitabile

I prodotti coreani sembravano più complessi di quelli esteri, anche se caratteristiche e prezzi erano essenzialmente identici. Perché? ho chiesto ai due studenti di design che mi facevano da guida. Perché i coreani amamo le cose dall'aspetto complesso, mi hanno risposto. È una questione di simboli: la complessità indica status.

La complessità degli elettrodomestici è aumentata [..] un tempo, il tostapane aveva solo una rotella per controllare il grado di tostatura - e basta. Una semplice leva faceva scendere la fetta di pane e metteva in funzione l'apparecchio. I tostapane erano elettrodomestici economici. Nei negozi di oggi i tostapane sono molto costosi, spesso firmati da grandi designer, con controlli complessi, motori per infilare le fette di pane e poi toglierle quando sono pronte, e pannelli LCD con icone criptiche, grafici e numeri. [..] Perché le persone acquistano un tostapane costoso e complicato quando un modello più semplice ed economico funzionerebbe altrettanto bene? [..] Risposta: perché le persone vogliono quelle caratteristiche. [..] Fallo semplice, e le persone non lo acquisteranno.

La complessità è nella mente esattamente come la semplicità. Il mondo non è né semplice né complesso.

la semplicità non è l'opposto della complessità: la complessità è un fatto del mondo, mentre la semplicità è nella mente.

Il mondo dei servizi è diverso da quello dei prodotti, in parte perché i servizi sono stati studiati molto meno. [..] I servizi sono spesso sistemi complessi, che perfino chi li fornisce non capisce fino in fondo [..] è facil trovare esempi della complessità dei servizi: basta pensare a quasi tutte le interazioni con gli enti governativi o le publiche amministrazioni.

Pensare in termini di sistemi: questo è il segreto del successo dei servizi. Che si tratti di un parco a tema Disney, di un servizio Apple, del servizio Netflix per i film, dei sistemi di consegna di FedEx o UPS, o degli acquisti da Amazon, perché queste aziende progettano il sistema completo, [..] dal punto di vista del cliente.

Il fordismo non è finito, è finita la fabbrica fordista. L'applicazione dei principi del taylorismo è stata estesa oltre la fabbrica, ai servizi e all'intera catena di produzione. La progettazione non si limita più ad un singolo evento della catena di produzione, ma riguarda tutte le singole operazioni che formano il sistema di produzione.

Principi fondamentali per la gestione della complessità

Significanti. Per il progettista il significante è uno strumento per rendere possibile la comunicazione in modo naturale e comodo [..] I significanti sono strumenti potenti per la progettazione [..] Purtroppo, spesso si confonde quello di significante con un altro concetto strettamente correlato, quello di affordance. Affordance è una relazione: indica le azioni che una persona può compiere su un oggetto. Il concetto è stato sviluppato dallo psicologo della percezione J.J. Gibson

i buoni progetti hanno significanti percepibili e informativi [..] Cercate segni che spiegano come usare qualcosa. Per esempio le etichette 'tirare' o 'spingere' su porte che, se progettate bene, non ne avrebbero bisogno.

un modo per semplificare una situazione altrimenti complicata consiste nell'aggiungere struttura. Strutturare i compito in moduli gestibili, dove ciascun modulo è semplice e facile da apprendere.

Una forma di strutturazione è la modularizzazione: dividere una struttura complessa in molti moduli piccoli, trattabili.

Professionismo filosofico

Trascrivo, senza modifiche e senza commento, un paio di pagine tratte da Perché ancora la filosofia di Carlo Cellucci, poiché esprimono, con estrema chiarezza, anche il mio pensiero.

La filosofia non è un'attività professionale. Questo dipende dal fatto che essa non ha un campo suo specifico da indagare, né tecniche sue specifiche da applicare.
Questo punto di vista si oppone a quello della filosofia analitica, secondo la quale, invece, la filosofia è un'attività professionale. Per esempio Recher osserva che la filosofia analitica è caratterizzata da un professionismo crescente. Dappertutto la pervade un alto grado di competenza erudita e di professionismo. Essa ha assunto un carattere sempre più tecnico, le sue indagini fanno un uso sempre più esteso dell'apparato formale della semantica, della logica modale, e così via. Artiglieria sempre più pesante viene messa in campo per problemi bersaglio sempre più piccoli.
Il professionismo crescente della filosofia analitica deriva dalla sua assunzione che la filosofia debba limitarsi a questioni settoriali. Questo ha indotto a credere che in essa sia possibile una divisione tayloristica del lavoro, e ciò ha portato a una sua crescente tecnicizzazione.
Tuttavia, come riconosce Recher, la crescente tecnicizzazione della filosofia è stata ottenuta a scapito della più ampia accessibilità della filosofia, e anzi persino della sua accessibilità da parte dei membri della professione. Essa ha prodotto un nuovo tipo di scolastica, caratterizzato da uno stile argomentativo pedante, fatto di tediose distinzioni su questioni minute insignificanti, e incapace di dare alcun contributo all'indagine sul mondo. E ha portato a indentificare l'iniziazione al lavoro filosofico con l'indottrinamento in tale stile argomentativo.
Come osserva Feyerabend, secondo la filosofia analitica, coloro che vogliono diventare filosofi devono essere istruiti a ripetere i trucchi dei loro istruttori in modo che in futuro possano forse essere in grado un giorno di diventare istruttori a loro volta, modificando un pochettino qua e là quei trucchi (questa viene detta 'ricerca originale'), ed essendo altrettanto rigidi nel propagare la propria conoscenza (questa viene detta 'coscienza professionale').
Ma così non si diventa filosofi bensì solo sterili pedanti. Rifugiarsi nel professionismo è solo un modo per illudersi che si possa fare filosofia senza dover avere idee originali.
In realtà una filosofia professionale è impossibile. Il filosofo non è un professionista nel senso in cui lo sono il matematico, il fisico o il biologo, perché non ha un campo suo specifico da indagare. Né è un professionista nel senso in cui lo sono il medico, l'avvocato o l'ingegnere, perché non ha tecniche sue specifiche da applicare. La sua indagine si muove su un terreno inesplorato, su cui non esiste ancora un sapere consolidato. Nel far ciò egli non ha alcuna professionalità ereditata su cui contare. Perciò egli è, e sempre rimarrà, un grande dilettante.
Ma proprio perché la filosofia si muove su un terreno inesplorato, su cui nessuna delle scienze esistenti sa dire nulla, essa è nello stesso tempo sempre esposta al rischio del fallimento ma anche capace di sorprendenti sviluppi. Come quelli grazie ai quali, battendo vie ancora inesplorate, attraverso mosse azzardate ma talora fortunate, essa ha dato origine a nuove scienze.

Bertrand Russell è stato il primo a formulare l'idea che molti importanti risultati filosofici acquistino natura di scienza. In questo senso si può considerare la filosofia come il residuo del processo di produzione della conoscenza.

Il senso comune definisce filosofia quel tipo di pensiero che non è ancora diventato, o non diventerà mai, scienza. A dire il vero condivido l'opinione di chi pensa che lo scopo della filosofia sia la filosofia stessa e non la soluzione di problemi filosofici, altrimenti non si spiegherebbe la necessità di filosofare comunque. La risoluzione dei problemi posti dalla filosofia è solo una conseguenza necessaria, ma non cercata, della filosofia, poichè la soluzione dei problemi filosofici coincide con la formulazione degli stessi in termini scientifici e quindi con l'uscita dal pensare filosoficamente.

L'unica differenza tra la filosofia e le scienze è che la filosofia si occupa di questioni che vanno al di là dei confini delle scienze esistenti, che queste non sanno trattare, e se ne occupa battendo vie ancora inesplorate. Così facendo, quando ha successo, essa può anche dar origine a nuove scienze.

La filosofia batte vie ancora inesplorate e in questo modo può anche dar origine a nuove scienze. Il suo maggior valore sta proprio in questo. Questo punto di vista si oppone a quello della filosofia analitica, secondo la quale, invece, la filosofia non batte vie ancora inesplorate, non dà origine a nuove scienze, né tanto meno il suo maggior vantaggio sta in questo. Per esempio, Dummetto afferma che nessun filosofo direbbe che il valore della sua disciplina consiste nell'essere una matrice da cui nuove discipline possono svilupparsi. La filosofia è ciò che resta quando le discipline che la filosofia ha partorito, come le scienze naturali e la psicologia, lasciano la casa materna. Perciò si deve attendere fino al diciannovesimo secolo perché abbia senso andare alla ricerca di un problema genuinamente filosofico in quanto distinto da problemi di altro genere. Ma contrariamente a quanto ritiene la filosofia analitica, battere vie ancora inesplorate dando eventualmente origine a nuove scienze fa parte della natura più profonda della filosofia.

Perfetto e tutt'altro che banale se ci riflettete.

Luci e ombre della Restorative Justice

Nell'assenza di una nozione univoca, sarà pertanto necessario dotarsi di una definizione d'uso [..] La 'Restorarive Justice' è un approccio alla giustizia che considera il reato principalmente in termini di danno alle persone, dal quale scaturisce in capo all'autore l'obbligo di porre rimedio alle conseguenze lesive della sua condotta. A tal fine, la prospettiva restorative mira a realizzare un coinvolgimento attivo di vittima, offensore, del loro rispettivo entourage e della stessa comunità civile nella ricerca di soluzioni — possibilmente concordare — atte a far fronte all'insieme di bisogni scaturiri a seguito del reato.

Questa definizione pone in evidenza quattro elementi:

  1. considerare il reato in termini 'concreti' , ossia nella lesività che questo esprime nei confronti delle persone e/o di una Certa comunità civile;
  2. ritenere il reato come fonte dell'obbligo, in capo all'autore, di porre rimedio alle conseguenze dannose che la condotta delittuosa ha cagionato; i bisogni della vittima rivestono a questo proposito un'importanza centrale;
  3. puntare ad un coinvolgimento attivo di vittima, offensore, dei rispettivi entourages e/o della comunità civile, nella ricerca di soluzioni atte a rimediare — almeno in parte — alla lesione insorta a seguito del reato;
  4. la preferenza per soluzioni consensuali, frutto quindi di accordo, più che di imposizione da parte di un'autorità".

L'attenzione si sposta progressivamente da una giustizia che mira a punire i colpevoli a una giustizia che si preoccupa di risarcire le vittime.

Così come da valutare rimangono le conseguenze del rapporto strutturalmente asimmetrico che le istituzioni publiche intrattengono con le parti, l'esecutore (interessato a chiudere al più presto la partita) e la vittima (interessata al ripristino della situazione anteriore alla violazione del diritto, quindi a un fine di per sé irraggiungibile).

che cosa significhi giustizia per le vittime resta un problema aperto [W. Hassemer - J.P. Reemtsma, Vebrechensopfer. Gesetz und Gerechtgkeit, Munchen, Beck, 2002, p. 150]

I moderni

Per avere un'immagine non convenzionale dell'intellighentia francese degli anni cinquanta e sessanta è estremamente utile il libro Les modernes di Jean-Paul Aron.

Ve li immaginate Zola o Maupassant intenti a correggere dei compiti in classe? Michelet è al Collège de France, che però nasce nel 1530 e si sviluppa negli anni successivi grazie appunto alla diffidenza dei re per le scuole, officine di retorica incapaci di servir da palestra all'immaginazione.
Questa scissione in due categorie di coloro che ai tempi dell'affaire Dreyfus prendono il nome convenzionale di 'intellettuali', questa dicotomia fra quelli che parlano come funzionari e quelli che si esprimono come liberi professionisti, questa distribuzione delle competenze riesce incomprensibile agli stranieri.[..] Dai tempi di Kant, la filosofia, quella vera, quella che scuote i mondi, è profondamente radicata nell'università tedesca. Al suo interno Hegel, a Berlino, assume il ruolo di instauratore. Lo stesso Nietzsche, il più sovversivo e il più inclassificabile dei pensatori, solo a metà riesce a starsene fuori dell'accademia. [Aron, 1985, p. 11]

Chi compera L'essere e il nulla, come, più tardi, L'Anti-Edipo e Il caso e la necessità, lo fa per possederlo, non per leggerlo. [Aron, 1985, p. 12]

Lacan corre continuamente verso quelli che pensano e soprattutto verso quelli che brillano nel pensiero. Questo spirito eccellente non è mai autonomo, funziona all'interno di costellazioni, che, contrariamente a quelle di Nietzsche, recano impresso il sigillo della moda, o, almeno, dei valori stabiliti. [Aron, 1985, p. 55]

Un'ottima scusa per non andare più a teatro. Maggio 1954, la compagnia teatrale dei Berliner Ensemble presenta a Parigi Madre Coraggio di Brecht e La brocca rotta di Sciller e Kleist

È una bomba. [..] Rolanda Barthes dichiara che da quel giorno non metterà più piede in un teatro: essendo salito una volta alla perfezione, si rifiuta di scenderne. Parola mantenuta. [Aron, 1985, p. 75]

Sollers a Tel quel

La modernità non è forse perfettamente equipaggiata e legittimata al massimo? Ha il suo profeta: Sade; il suo padrino: Mallarmé; un tutore: Saussure; e suoi promotori: Artaud, Bataille, Blanchot, Klossowski; i suoi capi: Lévi-Strauss, Robbe-Grillet e ben presto Foucault. Ha un suo dogma: la teoria; il suo sistema di prova: i significanti, i comodi, malleabili, senza interiorità, sinceri come l'oro, incapaci di promettere più di quanto non presentino. Ha la sua scienza: la semiologia, che tratta tutti questi elementi come pedine. Infine ha il suo spauracchio, la psicologia, una cancrena che i nostri cavalieri si apprestano a sterminare senza esitazione, eroi di una guerra già vinta in partenza. [Aron, 1985, p. 112]

il dottor Lacan è, con Lévi-Strauss, il sole dell'inverno che gela la cultura francese per più di trent'anni. [Aron, 1985, p. 182]

Scrivere, dice Leiris, significa avvicinarsi al pericolo, esporsi senza tregua. Di questo grande scrittore - al quale, come peraltro a Bataille, ho un solo torto da rinfacciare, quello di aver coperto, con la sua grandezza, la vana riconciliazione dello spirito con i professori, per sessant'anni - ho parlato appena. [Aron, 1985, p. 255]

Appunti sul carcere

Sostituzione del carcere per tutti i reati che non comportano l'uso della violenza con pene alternative (pecuniarie o lavorative)

Sostituzione della pena fisica con la degradazione economica del reo.

Risarcimento del danno

Sanzione, proporzionale alla gravità del reato, al reddito e alla ricchezza del reo, estesa attraverso una percentuale da determinarsi in giudizio a tutta la durata della vita del reo. (la proporzionalità estesa alla durata della vita è dovuta a ragioni tecniche di uguaglianza della sanzione)

Il ricavato della sanzione servirà per il risarcimento del danno e per i costi di giudizio e prevenzione dei reati. Ne segue che la tassazione, che dovrebbe essere naturalmente in carico alla proprietà, per le spese di prevenzione e giustizia potrà essere devoluta alla sola prevenzione.


Il peccato originale dello Stato di Israele

1942. Fonte ONU: dagli archivi coloniali del governo britannico. Durante gli anni della Seconda guerra mondiale anche la comunità sionista (in Palestina) adottò metodi violenti di lotta. L'uso del Terrorismo da parte loro è descritto in un documento ufficiale del governo britannico di allora: "Nel 1942 un piccolo gruppo di estremisti sionisti guidati da Abraham Stern, si fece notare per una serie di omicidi e di rapine politicamente motivati

1944. Fonte ONU: dagli archivi coloniali del governo britannico. Il ministro inglese per il Medioriente, Lord Moyne, viene assassinato da due membri del gruppo Stern, al Cairo. Sempre nello stesso anno il gruppo fuorilegge sionista Irgun Tzeva'i Leumi distrugge numerose proprietà del governo britannico. Le azioni terroristiche dei gruppi Stern e Irgun sono state condannate dallo stesso portavoce della Comunità ebraica.

1946. Fonte ONU: dagli archivi coloniali del governo britannico. Il 22 luglio 1946 la campagna condotta dalle organizzazioni terroristiche (sioniste) raggiunge nuovi livelli, con una esplosione che distrusse un'ala dell'hotel King David di Gerusalemme, che conteneva gli uffici della Segreteria del governo e il quartier generale britannico, uccidendo 86 impiegati, arabi, ebrei e inglesi, e 5 passanti.

Fonte ONU: dagli archivi coloniali del governo britannico. Il governo di Sua Maestà britannica è arrivato alle seguenti conclusioni: che il gruppo (sionista) Haganah e il suo associato Palmach lavorano sotto il controllo politico dei membri della Agenzia ebraica; e che essi sono responsabili di sabotaggi e di violenze...

I popoli felici non hanno storia

I popoli felici non hanno storia, non subiscono guerre, rivoluzioni, catastrofi, epidemie... nulla degno di essere ricordato al di fuori della piatta quotidianità. Dice Queneau.

I - La storia è la scienza dell'infelicità degli uomini

Se non ci fossero guerre e rivoluzioni, non vi sarebbe storia; non ci sarebbe materia di storia; la storia non avrebbe oggetto. Al massimo esisterebbero gli annali. La paremiologia lo insegna: i popoli felici non hanno storia. La storia è la scienza dell'infelicità degli uomini

La cronaca, gli annali, come fondamento materiale della storia o non invece, piuttosto, come alternativa alla storia?

LXXIV - La storia è monotona

Essa dovrebbe esserlo. Che ci sia ripetizione dei giorni o delle stagioni, delle guerre o delle rivoluzioni, delle catastrofi, delle epidemie, i suoi elementi sono sempre simili e di una desolante identità [..] Una prima veduta della storia, soprattutto annalistica, non potrebbe giungere a nient'altro che al nihil novi sub sole, e alla considerazione della fatalità.

Storia e ripetizione, cronaca e ripetizione. è la stessa ripetizione?

Appunti sull'istruzione - Ivan Illich

Una volta che una società ha trasformato i bisogni fondamentali in richieste di beni di consumo prodotti scientificamente, la povertà si definisce secondo parametri che i tecnocrati possono modificare a proprio arbitrio. Sono poveri quelli che non sono riusciti in misura rilevante a tener dietro a qualche reclamizzato ideale consumistico. In Messico è povero chi non ha fatto tre anni di scuola, a New York chi non ne ha fatti dodici. [p. 14]

Molti studenti, specie se poveri, sanno per istinto che cosa fa per loro la scuola: gli insegna a confondere processo e sostanza. Una volta confusi questi due momenti, acquista validità una nuova logica: quanto maggiore è l'applicazione, tanto migliori sono i risultati; in altre parole, l'escalation porta al successo. In questo modo si " scolarizza" la sua immaginazione ad accettare il servizio al posto del valore. Le cure mediche vengono scambiate per protezione della salute, le attività assistenziali per miglioramento della vita comunitaria, la protezione della polizia per sicurezza personale, l'equilibrio militare per sicurezza nazionale, la corsa al successo per lavoro produttivo. [p.11]

Certo dare a tutti eguali possibilità d'istruzione è un obiettivo auspicabile e raggiungibile, ma identificare questo obiettivo nella scolarizzazione obbligatoria è come confondere la salvezza eterna con la chiesa. La scuola è divenuta la religione universale di un proletariato modernizzato e fa vuote promesse di salvezza ai poveri dell'era tecnologica. Lo stato nazionale ha fatto propria questa religione arruolando tutti i cittadini in un programma scolastico graduato che porta ad una successione di diplomi e che ricorda i rituali iniziatici e le ordinazioni sacerdotali di tempi lontani. [p. 24 ]

Per rendere effettiva questa separazione tra scuola e stato, occorre una legge che proibisca, nelle assunzioni, nell'esercizio dei diritti elettorali o nell'ammissione ai centri di apprendimento, ogni discriminazione basata sul possesso o meno di determinati titoli di studio. Tale garanzia non escluderebbe prove pratiche di idoneità a ricoprire una funzione o un ruolo, ma eliminerebbe l'attuale assurda discriminazione a vantaggio della persona che impara una determinata tecnica grazie a un più che cospicuo dispendio di denaro publico o che - come è altrettanto probabile . è riuscita a ottenere un diploma che non ha alcun rapporto nè con capacità comunque utili nè con un qualsiasi impiego. [p. 25]

Per scindere la competenza dalla carriera scolastica bisogna che le informazioni sul passato scolastico diventino tabù, come quelle concernenti affiliazione politica, fede religiosa, famiglia, preferenze sessuali o razza. Bisogna emanare leggi che vietino la discriminazione basata sui titoli di studio. Naturalmente le leggi non possono eliminare i pregiudizi contro chi non sia andato a scuola, nè sono fatte per obbligare chicchessia a sposarsi con un autodidatta; possono però impedire una discriminazione ingiustificata.

La seconda grande illusione sulla quale si fonda il sistema scolastico è che la maggior parte dell'apprendimento derivi dall'insegnamento. Ma i più acquistano la maggior parte della loro cultura fuori della scuola.

L'idea del numero chiuso nell'università, che ha anche sostenitori nei liberali, ha il suo fondamento nella convinzione che il titolo di studio dia necessariamente diritto a qualcosa. Sia per il lavoro svolto che per i denari spesi dal singolo e dalla comunità, senza pensare che vi possa essere lo studio per lo studio, cosa che non spiegherebbe la ricerca scientifica pura che pure è all'origine del sapere occidentale. [p. 27]

Foucault cita Robert Badinter nella difesa di Patrick Henry. Perché si dovrebbe condannare qualcuno che non si conosce? L'argomentazione è molto sottile ed inquietante.

Qu'est-ce qu'il vous a donné à connaître sur son crime, les raisons de son crime, sur ce qu'il est? Vous n'en savez rien, il n'a rien pu vous dire. Rien de tout cela n'a pu transparaitre, ni dans les interrogatoires qu'on lui a faits au cours de l'instruction, ni dans les examens psychiatriques, ni même aujourd'hui devant la cour d'assises où il a comparu. Il n 'a rien dit, il n'a rien voulu dire, il n'a rien pu dire. En tout cas, vous, vous ne savez rien sur lui Et il a conclu par cette réflexion que je trouve, encore une fois, étonnante, mais étonnante parce qu'elle est significative de l'antinomie de notre raison pénale ; il a donc terminé son argumentation concernant ce point-là, il a donc terminé sur cette phrase : Enfin, pouvez-vous condamner à mort quelqu'un que vous ne connaissez pas?.

Appunti sull'istruzione - Guido Calogero

Di fatto la battaglia per il laicismo educativo non è altro che la battaglia per una scuola più intelligente contro una scuola meno intelligente. E' proprio per ciò che essa si presenta da noi in primo luogo come difesa della scuola di Stato - cioè della scuola che dovendo essere assicurata dallo Stato a tutti i cittadini, quale che sia il loro orientamento religioso, ideologico o politico, deve restare indipendente da ogni presupposto di tal natura . nei confronti della scuola privata, la quale essendo organizzata da gruppi caratterizzati confessionalmente, si appella alle famiglie, e forma scolaresche, sempre educate in modo più o meno unilaterale. [Calogero, p. 69]

Calogero - p 70 - Il laicismo non è qualcosa che appartenga di per sè allo Stato in quanto si differenzia dalla Chiesa. Ci possono essere chiese fortemente liberali come quella quacchera, e Stati fortemente confessionali, anche se poco religiosi, come lo Stato fascista.

Calogero - p. 133 - Piccardi ha parlato di "ridimensionamento dell'Università", dubitando che quest'ultima possa ormai davvero istruire "tutti i laureati che sforna", e proponendo perciò il numerus clausus delle iscrizioni ( proposta che è stata appoggiata da alcuni, mentre altri sono rimasti dell'opinione che sia preferibile educare chi ha fatto studi universitari all'eventualità di dover lavorare a livelli sociali considerati inferiori, piuttosto che rischiare di rendere più difficile ai giovani poveri - a anche ai giovani meno brillanti per doti mentali - di compiere gli studi universitari). Senza dubbio opportuna, e feconda di utili risultati, è stata invece la sua proposta di studiare la legislazione vigente, per vedere in quanti casi il requisito della laurea o di altro astratto titolo di studio vi risponda a vecchie e ormai inadeguate idee pedagogico - burocratiche, e possa essere sostituito da più moderni e complessi accertamenti di capacità reali, atti a svalutare la semplice caccia ai titoli.

Gonella vol. 1 p. 289. I programmi. Esercitano una influenza decisiva sulla libertà della scuola i programmi di studio che la libertà possono sollecitare o comprimere. I programmi o sono ala al volo, o diventano ceppo ai piedi.

L'art. 15 prevede programmi che indichino "sinteticamente il gradi di preparazione che gli alunni devono raggiungere. La elaborazione specifica dei programmi è perciò rimessa all'inventiva e alla responsabilità degli insegnanti, orientati dalle istruzioni della Consulta didattica, composta in gran parte di insegnanti.

Non si pone un problema di quantità, ma di qualità. Non multa, sed multum; non molto cibo indigesto, ma poco cibo assimilabile; non enciclopedismo nozionale, ma formazione dell'ambito critico, formazione della personalità.

Appunti sull'istruzione - Guido Gonella

Gonella vol. 1 p. 291. La riforma introduce nella scuola il nuovo insegnamento dell'educazione civile: " L'insegnamento dell'educazione civile è obbligatorio ed ha il fine di diffondere la conoscenza dell'ordinamento dello Stato, di educare la coscienza dei doveri e diritti del cittadino e di contribuire ad alimentare l'amore della Patria "(art. 15 comma 6)

Gonella vol. 2. p 67 La libertà di fede, di pensiero, di scuola e di stampa, sono le espressioni vive della stessa personalità umana, e l'organizzazione dello Stato che le lega finisce col mutilare l'uomo nei suoi valori spirituali e nelle sue attività sociali.

La libertà di fede non sarebbe integrale senza la libertà di scuola, ossia senza la libertà di divulgare la verità che per natura sua tende a diffondersi. Il rispetto della libertà di scuola è imposta dalla "Potestas" della società famiglia e della società religiosa. Vi sono però organizzazioni di Stati democratici che soffrono di contraddizioni interne. Esse affermano teoricamente il principio della libertà, ma non riconoscono praticamente tutte le libertà: oppure si riconoscono formalmente la libertà, ma non si garantisce nella stessa misura il loro effettivo esercizio.

Gonella vol. 2. p 69 La scuola di Stato deve essere quindi considerata come un servizio fornito dallo Stato alla comunità, e non come un tipo di formazione imposta dallo Stato; deve essere concepita come un servizio armonizzato con la coscienza dell'allievo e con la sua capacità psico- fisica.

Si deve garantire ai cittadini la libertà effettiva di scelta della scuola ch'essi vogliono per i loro figli.

Se questa libertà sparisce, tutte le altre libertà sono minacciate. Il mondo moderno impone quindi un doppio dovere: 1) liberare la scuola dallo Stato rendendo operante la libertà nel sistema scolastico della scuola publica; 2) Ammettere la validità di una scuola libera distinta da una scuola di Stato.

Gonella vol. 2. p 171 -

Si ritiene in genere che dare soldi a un candidato in cambio di favori sia corruzione

Nel 1974 il Congresso approvò una legge che limitava la somma che una persona poteva legittimamente spendere per favorire gli interessi di un certo candidato politico. * La legge aveva un intento egualitario: una persona abbiente, cui sia permesso spendere quello che crede per una causa politica, esercita sul processo politico un controllo molto più ampio di una persona priva di mezzi. Ciò nonostante, la Corte Suprema ravvisò nella restrizione una violazione della libertà di parola tutelata dal Primo Emendamento e dichiarò parte della legge incostituzionale. * La decisione della Corte fu ampiamente contestata. *

Il finanziamento della politica è un problema, non c'è dubbio.

Nel 2010 la sentenza del caso Citizens United vs Federal Election Commission - in cui la Corte suprema ha riconosciuto essenzialmente la possibilità per le corporation di spendere qualunque somma per i contributi alle campagne elettorali - ha rappresentato una pietra miliare nel processo di esautorazione dei cittadini americani. La decisione consente ai grandi gruppi e alle associazioni sindacali completa libertà di parola nel sostenere candidati e cause durante le elezioni, nella stessa misura in cui la consente ai singoli individui. Dal momento che le imprese hanno diversi milioni di volte le risorse a disposizione della grande maggioranza degli individui, la decisione crea una classe di potenziali attivisti ricchissimi con un interesse politico a un'unica dimensione: incrementare i propri profitti.

Si può accogliere la tesi della libertà di finanziamento della politica come espressione della libertà di parola e più in generale della libertà politica. Ma, a prescindere dall'ovvio obbligo di rendicontare correttamente sia i versamenti che le spese, si pongono due questioni rilevanti:

  1. Non detraibilità fiscale. Per i cittadini ma anche per le imprese. Ovvero la spesa effettuata per sostenere le proprie idee politiche ed i propri interessi non può considerarsi una spesa di produzione, ma deve essere considerata una spesa che ricade direttamente sugli utili distribuiti, cioè sugli azionisti, che sono i portatori degli interessi per i quali il versamento viene fatto. La dimostrazione mi sembra ovvia.
  2. Assoggettamento dell'importo versato ad imposta. Si tratta a tutti gli effetti di un consumo finale e nello stesso tempo di un reddito netto, che va tassato almeno una volta al momento dell'incasso (teoricamente anche due). Anche qui la dimostrazione mi sembra ovvia.

L'Italia è un paese abituato da secoli ad essere eteroguidato. Dopotutto, anche i Savoia non erano italiani.


Sindacalismo come movimento conservatore

Frank Tannenbaum (1893-1969) è una figura assai singolare.

Il sindacalismo è il movimento conservatore del nostro tempo. E una controrivoluzione. Inconsapevolmente ha volto le spalle a gran parte delle idee politiche ed economiche che hanno nutrito l'Europa Occidentale e gli Stati Uniti durante gli ultimi due secoli. In pratica, anche se non esplicitamente, il movimento sindacale nega l'eredità derivante dalla rivoluzione francese e dal liberalismo inglese e rappresenta un netto ripudio del marxismo. Questa sfida radicale al nostro tempo è passata in gran parte inosservata perché l'interesse del sindacato per le piccole questioni che nascono dal rapporto del lavoratore con il suo lavoro non sembrava implicare un vasto programma. Tuttavia, con la soluzione dei problemi minori — orari lavorativi, salari, condizioni e sicurezza di lavoro — il sindacato sta riedificando la nostra società industriale su una base diversa da quella intuita dai filosofi, dagli economisti e dai rivoluzionari sociali dei secoli XVIII e XIX.

i sindacati, affrontando problemi ritenuti minori (orari lavorativi, salari, condizioni e sicurezza del lavoro) e utilizzando lo strumento del contratto collettivo, si configurano di fatto come "enti legislativi privati"

Fondazioni bancarie, un problema?

Lo sanno bene Giovanni Bazoli e Giuseppe Guzzetti ispiratori del sistema delle fondazioni bancarie.

Mi limito a ricordare che in dieci anni, dal 2001 al 2010, le fondazioni hanno erogato più di 14 miliardi di euro. [..] Infine, Boeri e Guiso mi domandano se io possa pensare di usare il patrimonio delle fondazioni per abbattere lo stock del debito pubblico. Le fondazioni bancarie sono soggetti di diritto privato, come stabilito anche dalla Corte costituzionale. L'operazione suggerita, tecnicamente, sarebbe una confisca. Fortunatamente non siamo nelle condizioni di dover sospendere le garanzie costituzionali a tutela del diritto di proprietà.

Maine de Biran

Extrait du registre des délibérations du Conseil d'État, séance du 25 mars 1815 :

La souveraineté réside dans le peuple : il est la seule source légitime du pouvoir. » — Principe anarchique et révolutionnaire, source de tous les maux de la France, depuis vingtcinq ans, et dont l'énoncé, dans les circonstances où nous sommes, est le prélude de nouveaux malheurs, dont cette génération ne verra pas le terme.

La souveraineté n'a sa source légitime que dans la sagesse unie à la force. Le peuple est une collection d'individus ignorants et passionnés, qui n'agissent jamais que poussés par un sentiment aveugle. Quand le peuple agit, il est fort et toutpuissant. Mais il manque de sagesse et de raison ; quand la sagesse domine, la force et la puissance manquent.

La souveraineté doit donc toujours être placée hors du peuple. L'être supérieur qui domine par l'ascendant de la raison et des lumières, qui met toutes les volontés en harmonie avec la science et dirige vers un but commun les volontés individuelles est le vrai souverain : il est le représentant de Dieu, de qui émane toute souveraineté.


Le discussioni con gli altri servono essenzialmente a chiarire il proprio pensiero a se stessi, non agli altri.

1er décembre 1814 . — J'ai eu la Société métaphysique chez moi. J'ai lu un long mémoire sur la causalité, qui n'a pas été du tout entendu par les uns, qui a été vivement attaqué par les autres: MM. Royer-Collard, Cuvier et Guizot. Ces discussions ne produisent aucune lumière et ne font que m'irriter. J'ai été agité ensuite, mécontent de moi-méme, tournant malgré moi dans ce cercle d'idées, pensant toujours à ce que je devais dire et n'avais pas dit dans le courant de la discussion. Il résulte de là un grand dégoût pour les disputes métaphysiques.

Maine de Biran
- Journal intime de Maine de Biran de l'année 1792 a l'année 1817, publié avec un Avant-propos, une Introduction et des Notes par A de Lavalette Monbrun, Plon, Paris, 1927
Victor Delbos
- Maine de Biran et son œuvre philosophique, Vrin, Paris, 1931

Maine de Biran et la Suisse, Cahiers de la revue de théologie et de philosophie, Genève, 1985 cons.

Che cosa significa parlare

L'economia degli scambi linguistici. Produzione e riproduzione della lingua legittima

il s'agit de montrer que s'il est légitime de traiter les rapports sociaux - et le rapport de domination eux-même - comme des interaction symboliques, c'est-à-dire comme des rapport de communication impliquant la connaissance et la reconnaissance, on doit se garder d'oublier que les rapports de communication par excellence que sont les échanges linguistiques sont aussi des rapports de pouvoir symbolique où s'actualisent les rapports de force entre les locuteurs ou leurs groupes respectifs. Bref, il faut dépasser l'alternative ordinaire entre l'économisme et le culturalisme, pour tenter d'élaborer une économie des échanges symboliques.

Le discours juridique est une parole créatrice, qui fait exister ce qu'elle énonce.

La gelosia

Déjà dans la courte nouvelle intitulée, dans les Plaisirs et les Jours, la Fin de la jalousie, il semblait parfois à Honoré que c'était son propre mensonge et sa propre sensualité qu'il projetait en Françoise 161. Et lorsque le narrateur évoque la généalogie de la jalousie, il est bien remarquable que ce soit ce phénomène de projection qui nous fasse douter de l'autre, précisément parce que nous connaissons toutes les raisons qu'il aurait de douter de nous.

Mais ce qui me torturait à imaginer chez Albertine, c'était mon propre désir perpétuel de plaire à de nouvelles femmes, d'ébaucher de nouveaux romans; c'était de lui supposer ce regard que je n'avais pu, l'autre jour, même à côté d'elle, m'empêcher de jeter sur les jeunes cyclistes [..] Comme il n'est de connaissance, on peut presque dire qu'il n'est de jalousie que de soi-même

Aussi est-ce par un effet pervers de miroir que notre jalousie s'éveille en supçonnant dans l'autre ce que nous connaissons de nous-mêmes, et en imaginant ses désirs et ses voluptés secrètes par une simple transposition des nôtres. Ce qui rend l'autre atroce, c'est qu'il soit mon semblable.

C'était déjà un commencement de souffrance que de me la représenter désirant comme j'avais si souvent désiré, me mentant comme je lui avais si souvent menti, préoccupée par telle ou telle jeune fille, faisant des des frais pour elle, comme moi pour Mlle de Stermaria, pour tant d'autres, pour les paysannes que je rencontrais dans la campagne. Oui, tous mes désirs m'aidaient dans une certaine mesure à comprendre les siens; c'était déjà une grande souffrance où tous les désirs, plus ils avaient été vifs, étaient changés en tourments d'autant plus cruels...

La description proustienne de la jalousie établit trois faits remarquables, qui tous contribuent à poser le problème de la pathologie, et par conséquent de la physiologie de l'imagination. [..] le premier consiste à caractériser la jalousie, non seulement comme une attitude mentale, mais comme une souffrance ou un douleur [CS I, 226, 228, 275, 300, 317, 363, 364, 365, 366, 367, 368; CG, II, 158, 182; SG, II, 801, 1115; LF, III, 152, 465, 470, 472, 474, 514, 518, 541] strictement physiques[LP, III, 518], et même viscerales. [..] Spécifique de l'imaginaire, le deuxième caractère de cette douleur est d'être uniquement suscitée par des mots [CS, I, 367], des représentations, des fantasmes, de pures images [CS, I, 300; LF, III, 518] [..] Le troisième caractère de la jalousie est le plus extraordinaire. Consiste en cette obsession par laquelle elle ravive spontanément elle-même le mal dont elle voudrait pourtant guérir. [..] le jaloux n'a paradoxalement d'autre bourreau que lui-même.

Impoverimento come sanzione dei reati finanziari

18.03Le opinioni espresse in questa pagina non rappresentano un pensiero compiuto e definitivo sull'argomento trattato, ma vogliono essere semplici proposte di riflessione e di discussione sull'auspicabile riforma del diritto penale.

Accanto all'incremento dei reati contro il patrimonio, dovuto essenzialmente all'immigrazione ed alla crisi economica che colpisce maggiomente le classi sociali più povere, la cronaca giudiziaria degli ultimi anni ha evidenziato l'aumento della corruzione, in specie negli appalti publici, dell'elusione e dell'evasione fiscale, del riciclaggio di denaro di provenienza illecita e più in generale dei reati di natura finanziaria, in gran parte a carico delle élite economiche e politiche del paese.

Per questo tipo di reati, il cui unico scopo è l'arricchimento personale e familiare, il carcere non rappresenta più (se mai lo ha rappresentato) una pena adeguata ai tempi.

Le indicazioni contro il mantenimento della pena carceraria sono numerose, queste sono le più evidenti:

  • Il carcere è un costo sempre più alto per la collettività. Il costo medio giornaliero per ogni detenuto è attualmente di circa 150 €

Anno Costo del sistema
carcerario
Costo giornaliero
per detenuto
% costo personale
2001 2.642.924.161 131,9 75,8
2002 2.574.577.019 126,7 75,7
2003 2.714.511.771 132,6 77,3
2004 2.715.386.643 131,7 77,5
2005 2.682.259.184 124,9 80,7
2006 2.924.779.269 154,8 79,7
2007 3.095.506.362 198,4 79,3
2008 3.040.850.195 152,1 79,8
2009 2.970.172.869 121,3 82,1
2010 2.770.841.742 113,0 84,3
Totali 28.131.809.215 138,7 79,2

  • Il carcere non rieduca e non recupera il reo. Il concetto di rieducazione nasce da una concezione del reato come colpa e del colpevole come individuo moralmente e intellettualmente tarato. Questa concezione della pena non è compatibile con le caratteristiche psicologiche dei soggetti colpevoli di reati finanziari e corruttivi.
  • Il carcere discrimina fra ricchi e poveri.
  • Il carcere non è un risarcimento del danno subito.

Ne consegue che, così come l'unica pena realmente adeguata per l'omicidio volontario è la morte dell'omicida, la pena adeguata per i reati commessi a scopo di arricchimento è l'impoverimento del reo ed eventualmente dei suoi familiari, per evitare l'aggiramento della norma.

La publicità come pena accessoria. La difesa della privacy è stata invocata per impedire la diffusione dei dati sensibili nella publicazione delle sentenze. Le sentenze sono per loro natura atti publici, nelle quali si dà notizia alla collettività delle informazioni sul reato e sul reo, ed in quanto tali sono una componente essenziale della pena.

Riporto per esteso le dichiarazioni del ministro della giustizia Andrea Orlando, riportate, per quanto ne so, solo dal quotidiano La Repubblica, poiché coincidono con il mio pensiero. Una sola annotazione. Lo Stato non è in grado di gestire secondo principi economici i beni sequestrati, che debbono essere rimessi sul mercato nel più breve tempo possibile.

- Dobbiamo cambiare profondamente, e lo stiamo facendo, le modalità di esercizio della pena: abbiamo una pena che è molto legata al carcere, per molto tempo si è raccontato che il carcere era la soluzione di tutti i mali: dobbiamo invece virare verso sanzioni di carattere patrimoniale perché un mafioso o un corrotto ha relativamente poco paura di farsi un mese di carcere se si riesce a mettere in tasca qualche milione di euro, ha paura se si minaccia di portargli via i soldi che ha magari anche la casa: io credo che dobbiamo virare in questa direzione: lo ha spiegato il ministro della giustizia Andrea Orlando intervenendo a un dibattito alla Festa dell'Unità di Modena dedicato alla riforma della giustizia.

Oggi abbiamo deciso di prevedere la confisca dei terreni a chi utilizza il caporalato ma non solo il proprietario del terreno - ha spiegato ancora il ministro - anche quelli che lungo la filiera utilizzano quel prodotto, perché c'è una economia criminale e una economia che utilizza quella criminale, che non necessita di capi ndrine e mafiosi ma è fatta di persone in apparenza anche assolutamente rispettabili.

Orlando ha poi spiegato: al Senato c'è una norma di cui sono molto convinto, che avrà un effetto significativo e che prevede la confisca per sproporzione, ti confisco il patrimonio quando non sai dimostrare come lo hai accumulato. Una misura, ha detto ancora il ministro, per andare anche a cercare generazioni che hanno accumulato beni illecito dai padri e dai nonni. Sappiamo benissimo - ha chiosato - che una larga parte del bottino di tangentopoli non è mai stato restituito.

Unità e molteplicità

Anatomiquement, topologiquement, nos moi sont séparés. On peut considérer qu'ils le sont aussi psychologiquement dans la mesure où personne ne ressent la souffrance de l'autre. Toutefois, peut-être serait-ce déjà se hasarder que de croire leur mémoire, leurs désirs, leurs déceptions différents sous cet unique prétexte que les objets en sont différents. La preuve en est que je puis sentir l'angoisse de Lucien Leuwen et faire mien son amour, quoique je ne connaisse pas Mme de Chasteller ni le salon des Grandlieu. Mais, intellectuellement, logiquement, ontologiquement, tous les différents « moi» ne font que prendre séparément conscience de la même expérience, de la même attente, de la même solitude, et de la même pensée. On peut bien, comme tout le monde, leur reconnaître une singularité: ce n'est toutefois que celle des vases communicants.

Aussi comprend-on que l'expérience de la pensée, comme celle de la vie, ait pu persuader Schopenhauer que «toute multiplicité n'est qu'apparente», et que «tous les individus de ce monde ne sont que la manifestation d'un seul et même être véritablement existant, présent et identique en tous » 1. Par son unité, sa constance, sa communauté, son universalité, l'expérience de la pensée manifeste donc à chacun ce qu'en attestait Ravaisson: c'est qu'«avant toute pensée particulière, on est obligé de supposer une pensée constante, sans commencement ni fin, qui est comme une chaîne sur laquelle se déploie la trame des pensées accidentelles » 2.

1. Cf. Schopenhauer, Le fondement de la morale, Paris, Flammarion, 1920, p. 345-346.

2. F. Ravaisson, Testament philosophique, Paris, Vrin, 1983 p. 64.

La funzione dello Stato minimo si limiterebbe a dirimere le controversie e ad impedire i conflitti tra gli appartenenti alle diverse agenzie politiche. Per adempiere a questo compito è necessaria una regola che determini le condizioni dell'uso della forza.

Che cosa intendo quando dico: conosco (qualcosa), qualcosa è conosciuto. L'atto del conoscere. Il problema dell'atto del conscere è diverso dalla dimostrazione della possibilità della conoscenza, che, in sé, non è un atto di conoscenza.

La parabola filosofica degli esistenzialisi si conclude con un impegno politico. Heidegger con il nazismo, Marcel con la religione, Sartre con il comunismo. Lo strutturalismo si conclude con un dis-impegno non solo politico, un ritorno al privato negli anni che preludono al tacherismo. Lacan finisce impigliato nei nodi borromei, Barthes nel frammento, Foucault nell'ermeneutica del sé, Levi Strauss nel ritorno al passato.

Quando leggiamo una frase, anche se compresa in un testo, la interpretiamo immediatamente secondo le regole ed i criteri linguistici che abbiamo precedentemente appreso come se fosse isolata. Se quella frase è compresa all'interno di un testo e noi la leggiamo dopo aver letto il testo che la precede (o anche il testo che la segue) noi avremo un nuovo e diverso criterio di interpretazione che sovrapporremo naturalmente al primo, ovvero interpreteremo quella frase in base all'interpretazione che avremo dato del testo che la precede in base alle regole lingistiche che abbiamo appreso e costituiscono la nostra esperienza in quel momento. Naturalmente posso aver appreso delle regole che ho dimenticato o modificato secondo una successiva esperienza. Tutto questo lavoro avviene senza l'apporto della coscienza.

La grande scoperta di Freud non è stata l'Edipo, ma l'Edipo capovolto! cioè che la struttura dell'Edipo non è unica.

In Klossowski c'è un erotismo desessualizzato.

Non è la semplice trasgressione - il peccato - che fa l'erotismo, ma il superamento cosciente dei limiti, che ci si pone (limiti che possono essere anche molto bassi).

È un luogo comune che la letteratura erotica sia fatta da uomini per uomini. Anche quando così fosse, è lo è solo in alcuni casi, chi scrive è sempre nella veste della donna.

Si noti la distanza tra la prassi delle prigioni americane (o se si vuole della giustizia americana) dalle teorizzazioni di un Rawls, di un Dworkin o, anche di un Nozick.

Se si comprime la platea dei poveri riconosciuti attraverso la manipolazione dei criteri di selezione sarà più facile per la politica ottenere il consenso alla riduzione del welfare perché si riduce il numero degli aventi diritto che votano.

Naturalmente Leo Strauss insegna. Il tema è stato dibattuto ampiamente: Occorre mentire al popolo.

L'artifizio sul quale è costruito l'argomento Wilt Chamberlain consiste nell'isolare una frase all'interno di una sequenza considerandola rappresentativa dell'intera pagina.

Partendo dalla constatazione e dall'accettazione del fatto che gli uomini sono diversi fra loro, hanno fini diversi e diverse esigenze di vita, all'utopia non resta che immaginare un mondo diviso, ma non in nazioni, bensì in gruppi di uomini tra loro affini, separati dallo stile di vita e dalla legislazione, che convivono gli uni accanto agli altri.

Il diritto è come la matematica. Non esistono due soluzioni diverse ad uno stesso problema, almeno... non nello stesso tempo e nello stesso luogo.

Teorizzare un sapere frammentario, puntiforme e ricomponibile a piacere secondo le esigenze del momento.

Pensiero [ è (sempre) circolare ] si deve chiudere ritornando su se stesso. Il pensiero che non si chiude si perde nell'estensione - anamorfico

La storia dell'ontologia mostra una forte tendenza a pensare l'essere come oggetto - dove l'oggetto, l'ente, ha il ruolo del fallo, la cui esistenza occorre giustificare.

Osservare indica un rivolgersi a, contemplare indica un lasciarsi invadere dall'oggetto e dalla visione stessa dell'oggetto

Confusione. Oxi L’Europa non sarebbe mai arrivata a questo punto, se avesse leader capaci di subordinare le proprie tattiche personali alle esigenze di chi li ha eletti.

Tre domande per un Manifesto politico

È possibile fare politica senza investire grandi somme di denaro personale per comprare il voto degli elettori o senza spendere grandi somme di denaro publico con lo stesso scopo?

È possibile promuovere le idee con la sola forza di convinzione che proviene da esse?

Esiste il cittadino generico dello Stato Universale Omogeneo capace di riconoscere e scegliere l'interesse comune, anche senza il velo di ignoranza?

Bertrand de Jouvenel ha scritto che uno dei segnali di decadenza del potere democratico è la tendenza a diventare ereditario. La variante americana della democrazia, pur alternando le famiglie al potere, non sfugge al destino. Ma, più in generale, la tendenza del potere a diventare ereditario è un segno di decadenza.

Sulla giustizia penale

Problemi di costituzionalità

È normale scoprire dopo cinque o sei anni dalla sua emanazione che una norma è incostituzionale?

Alcune recenti sentenze della Corte Costituzionale, che intervengono dichiarando incostituzionali norme in vigore da anni, pongono dei dubbi sulla correttezza logica del sistema di controllo istituito dal Costituente italiano.

E non mi sembra affatto una giustificazione affermare, come fa Aldo Giannuli, che la colpa è della magistratura ordinaria. Il sistema è ovviamente uno e comprende anche i magistrati di cassazione. In quale paese vivono i giudici costituzionali italiani? Non hanno mai aperto la Gazzetta Ufficiale o non sono mai andati a votare o forse non si considerano cittadini come tutti gli altri, danneggiati da una legge elettorale incostituzionale?

Ci sono tre o quattro punti che mi lasciano molto perplesso a cominciare dalla Corte Costituzionale, alla quale si fa un addebito falso: averci messo sei anni per dichiarare l’incostituzionalità del Porcellum. In realtà, la Corte ci ha messo solo pochi mesi, essendone stata investita solo nella scorsa primavera. A ritardare la pronuncia è stata la magistratura ordinaria (che gode di un ingiustificato favore da parte di M5s, popolo viola, Idv ecc ecc) che ha sistematicamente respinto i ricorsi degli avv. Bozzi e Besostri, sino a quando la Cassazione non li ha ritenuti fondati inviandoli alla Consulta. [qui il testo completo]

In altri paesi esiste un controllo preventivo sulla correttezza costituzionale delle leggi emanate dal Parlamento. Ad esempio, in Francia la Costituzione (art. 61 e 62) prevede che il Conseil Constitutionnel si pronunci prima dell'emanazione di una legge.

È pur vero che, anche in Italia, almeno formalmente, esiste una Commissione affari costituzionali, organo parlamentare che si dovrebbe esprimere in materia, ma evidentemente non è in grado di funzionare correttamente perché viziato dalla sua origine politica.

Ma esiste un problema più generale che riguarda l'operato del Legislatore: sono molte le leggi che hanno un vizio di costituzionalità, che il sistema vigente non consente di emendare.

Percezione della realtà in chi governa

Uno dei questiti più interessanti della scienza politica riguarda la formazione della percezione della realtà da parte di chi ha il comando.

Avere una corretta percezione della realtà significa migliorare le possibilità di dare risposte adeguate alle concrete situazioni della vita.

Sembra quindi importante, soprattutto per chi ne patisce le conseguenze, che un comandante militare, un governante o un legislatore abbiano una corretta percezione della realtà.

Gli esempi storici dimostrano come sovente ciò non accada.

Quali verifiche empiriche è possibile attuare per valutare la corretta percezione della realtà da parte di un individuo, posto che la percezione è per definizione soggettiva?

Tributi

In Rizzi, 20 , par. 4 viene simulato un sistema tributario semplificato per permettere la valutazione della progressività in base a diversi indicatori di capacità contributiva complessiva.

Costituzione Germania art. 120; USA art. 1 sez. 9

L'imposizione fiscale sulla proprietà costringe il redditiero a farla fruttare. De Viti De Marco ed Einaudi sono piccoli proprietari e concepiscono la politica fiscale come piccoli proprietari.

mi soffermerò ad analizzare brevemente la distinzione tra i due metodi utilizzati per il calcolo di una imposta progressiva come quella in vigore in Italia prescindendo dalla questione se sia preferibile la flat tax (imposta proporzionale) all'imposta progressiva .

Sebbene molto diversi fra loro la progressione continua e la progressione a scaglioni sono considerati entrambi rispondenti all'art. della Costituzione che prescrive appunto la progressività nel calcolo delle imposte sul reddito.

Prescindo dalla questione se sia più corretto tassare il reddito, tassare la ricchezza o il consumo.

Quando si parla di progressione in genere si intende Supponendo per economia di calcolo una progressività lineare e quindi una utilità marginale altrettanto lineare

Poiché, a parità di gettito, l'imposizione fiscale è un gioco a somma zero: ad ogni riduzione di imposizione per una categoria di contribuenti corrisponderà un aumento analogo dell'imposizione per le altre categorie di contribuenti. Ne segue che il metodo matematico utilizzato per la determinazione degli importi delle imposte non è neutro: né dal punto di vista filosofico, né da quello economico.

Più bassa è la soglia di applicazione dell'aliquota minima e più alta è l'imposizione fiscale sui redditi medio-bassi e per conseguenza più bassa è l'imposizione fiscale sui redditi medio-alti e viceversa.

Con i termini imposta ad aliquota del 50%, aritmeticamente progressiva da uno a dieci milioni di euro, intendo dire che ad un reddito pari a uno applico una imposta uguale a zero, ad un reddito pari a cinque milioni applico un reddito pari al 25% e ad un reddito pari a dieci milioni applico una imposta del 50%.

Supponendo una progressività lineare

Questo calcolo abbastanza semplice, che risponderebbe pienamente al criterio di progressività enunciato nella Costituzione non viene applicato perché la curva di distribuzione dei redditi è tale per cui l'imposizione totale sui redditi fino alla mediana sarebbe molto ridotto rispetto agli attuali sistemi di calcolo e viceversa sarebbe aumentato il gettito dei redditi oltre la mediana.

Questa esemplificazione dimostra la poca correttezza dell'attuale sistema impositivo italiano che dietro l'enunciazione di principi astratti molto generali nasconde una pratica che li contraddice

Si può però obiettare, ma non è scritto in Costituzione, che l'imposizione dovrebbe essere proporzionale all'utilità che si ricava dai servizi pagati attraverso l'imposizione fiscale. L'adozione di questo principio comporta l'adozione di metodologie di calcolo diverse.

In ogni caso, sia che il calcolo venga eseguito sull'utilità, sia che venga eseguito sulla capacità contributiva appare evidente che attraverso la manipolazione delle leggi, e quindi con la complicità degli organi legislativi, le classi abbienti pagano meno imposte di quanto dovrebbero.

quando si parla di pressione fiscale occorre distinguere la pressione fiscale complessiva che può essere bassa o alta indipendentamente dalla pressione fiscale marginale che può essere a sua volta alta o bassa. Ciò che deprime l'economia è la pressione fiscale complessiva, non la pressione fiscale marginale, che aumenta l'elusione e può indurre ad evadere ma non deprime l'economia.

02.01

La ragione dei più. Queste parole mi ricordano un verso di La Fontaine: La raison du plus fort est toujours la meilleure. Semplice assonanza, o corrispondenza di significati, dato che anche il numero è forza? Ridotto ai minimi termini il problema del principio maggioritario potrebbe compendiarsi in questa domanda, mentre la sua complessità sarebbe indicata dal fatto che una risposta concorde e soddisfacente ancora la si attende da chi l'ha cercata nella sfera del diritto, della morale e della politica. Tuttavia l'impegno stesso dei ricercatori qualcosa significa, cioè che per tutti (o quasi) è inaccettabile la risposta che potrebbe sembrare più ovvia: la maggioranza è il lupo della favola.

A cosa serve la filosofia medievale?

01.01L'articolo di Chirine Raveton che riassume la disputa fra Claude Panaccio e Alain de Libera sulla storia medievale mi permette di fare qualche ulteriore considerazione sul significato della storia come scienza del passato.

Si tratta, a ben guardare, di una disputa sulla lana caprina.

vi sono elementi comuni che attraversano i secoli e vanno da Platone alla critica heideggeriana a Sartre nella Lettera sull'umanesimo. [..] Nel corso di duemila anni si sono ripetute formule e figure argomentative. Le si può raccogliere, retrospettivamente, come articolazioni di un unico e medesimo problema; si possono allora costruire straordinarie visioni d'insieme. Dall'inizio del nostro secolo la storia della filosofia, soprattutto in Germania, è stata trattata in questo modo. Neo-kantiani e fautori di una nuova ontologia, come Nicolai Hartmann, hanno intravisto in questo metodo la possibilità di sottrarsi allo sconfinato mare dei fatti della cosiddetta ricerca positivistica. Ma questo metodo risulta sospetto per più di un motivo:

  1. tale approccio fa vivere di vita propria i cosiddetti problemi. [..] Il metodo della storia dei problemi spinge gli individui nell'eterno cerchio di luce dei problemi atemporali; non ne analizza la genesi che, invece, va cercata nella tensione che sussiste fra le situazioni concrete e la tradizione.
  2. se i problemi sono eterni la loro comparsa in un determinato periodo risulta ovvia. Non ci si domanda il perché [..] Il metodo della storia dei problemi considera la colorazione temporale come [..] un travestimento storico di problemi perenni. [..]
  3. la paura del relativismo. [..] la grande molteplicità di visioni, testi e contesti [del materiale storico], ci impaurisce [..]
  4. trattare la storia della filosofia con il metodo della storia per problemi significa non considerare la propria storicità [..]

Bibliografia

Pascal Engel
- La philosophie peut-elle échapper à l'histoire?, in Boutier et Julia, Passés recomposés, Autrement, Paris, 1995
Kurt Flasch
- Introduzione alla filosofia medievale, tr. Marco Cassisa, Einaudi, 2002
- Wie schreibt man Geschichte der Mittelalterlichen Philosophie?, in Medioevo. Rivista di storia della filosofia medievale, 20 (1994), pp. 1-29
Alain de Libera
- Retour de la philosophie médiévale?, in Le Débat, 72 (1992), pp. 155-169.
Claude Panaccio
- Les mots, les concepts et les choses. La sémantique de Guillaume d’Occam et le nominalisme d’aujourd’hui, Montréal-Paris, Bellarmin-Vrin, 1991
- Le discours intérieur de Platon à Guillaume d’Ockham, Paris, Seuil, 1999
- De la reconstruction en histoire de la philosophie, Université du Québec à Montréal, Cahier d'épistémologie, n. 189, 1994
- De la reconstruction en histoire de la philosophie, in La philosophie et son histoire, G. Boss (dir.), Zurich, Éditions du Grand Midi, 1994, p.173-195
Chirine Raveton
- Pourquoi e comment étudier la philosophie médiévale?, in Klesis, 2009
Leo Strauss
- Pour commencer à étudier la philosophie médiévale, in La renaissance du rationalisme politique classique, Paris, Gallimard, 1995
Paul Vignaux
- La problématique du nominalisme médiéval peut-elle éclairer des problèmes philosophiques actuels?, in Revue philosophique de Louvain, 75 (1977), pp. 293-331
MP

☛ segue