Embamma

Poiché i diritti naturali sono quelli dati dall'essere nello stato di natura non si danno nella società civile dove i diritti sono conseguenza di un contratto che attribuisce agli altri uguali diritti. Questo spiega come Hobbes possa essere considerato ad un tempo giusnaturalista e giuspositivista.


Mi si perdonerà se, data la vastità e la complessità della materia della quale intendo trattare, il mio argomentare sarà, per necessità, incompleto e frammentario, e lascerò a coloro che mi seguiranno il compito di completare i ragionamenti che ho iniziato e di metterli alla prova della realtà.

Devo vincere un'ultima resistenza, publicare tutto quello che scrivo così come si presenta, senza occuparmi delle correzioni, anche se è solo un brouillon informe e senza senso. Ciò mi consentirebbe di andare avanti senza dovermi curare più di tanto della forma e nello stesso tempo mi permetterebbe di poter tornare indietro ogniqualvolta sia necessario. Qual'è l'ostacolo? l'amor proprio dell'amanuense.

Non mi sono mai preso troppo sul serio. Un errore.

Accade, alle volte, che le idee si impossessiono degli uomini, e non gli uomini delle idee.

Se Leo Strauss avesse voluto sostenere nei suoi scritti l'opinione politicamente corretta non li avrebbe incentati sul problema di come i testi degli antichi, ma non solo, debbano essere letti fra le righe. Evidentemente, per Leo Strauss, il problema da risolvere non è la lettura degli antichi, per la quale sarebbe stato più idoneo un filologo classico anziché un filosofo politico.

L'oggetto di interesse di Leo Strauss sono gli uomini non le idee se non in quanto idee di Machiavelli, di Hobbes, di Spinoza, di Al Farabi.

Nietzsche, Morgenröthe, vol. 5. t. 1. § 26

C'è una relazione fra estetica e formalizzazione? L'arte come formalizzazione della vita. Una concezione estetica e formalizzata della vita.

self-control, Selbstbeherrschung, maîtrise de soi-même, , il dominio di sé in senso morale - enkráteia e sophrosýne (che alcuni identificano nella figura della temperanza) Aristotele

Spinoza dice che molti ritiengono che l'uomo avrebbe "una assoluta potenza sulle proprie azioni" un pregiudizio da cui deriva l'errore di attribuire "la causa dell'impotenza e dell'incostanza umane non alla comune potenza della natura, bensì a non si sa qual vizio dell'umana natura" (Etica, Giametta, Torino, 1959, parte III prefazione)

Nella filosofia socratica la padronanza di sé è posta come libertà spirituale contro la schiavitù dell'intemperanza

Vincere se stesso è la prima e migliore di tutte le vittorie; l'essere vinto da sé è quanto mai turpe e cattivo

Il desiderio si è rifugiato nella passione più sottile e più cieca, la passione del sapere.


Il metodo fenomenologico fa emergere fantasmi

Il metodo fenomenologico fa emergere fantasmi. Questa affermazione andrebbe argomentata meglio di quanto non sia in grado di fare in questo momento. Naturalmente di riferisco al metodo introdotto da Edmund Husserl.


La differenza sostanziale tra l'intelligenza umana e quella artificiale è la possibilità di concepire l'inesistente da parte della mente umana. Ovvero, qualora la macchina fosse concepita in modo da poter "tenere fermo" l'inesistente allora sarebbe in grado di pensare esattamente come la mente umana.


Che un'unità di misura, quale è l'euro, in italiano non abbia plurale, ma in francese si, è semplicemente una stronzata, che solo dei burocrati idioti potevano concepire.


Se lo scopo del sindacato è unicamente la carriera dei sindacalisti, il sindacato non ha più uno scopo.

MP